Lunedì, Giu 25th

Last update04:11:26 PM

Sei qui: Home Video e foto Video Sas Animas

Sas Animas

Sas Animas. 

 

In paese, così come in tanti paesi della Sardegna,  è molto sentita la ricorrenza di “Sas animas”, per ricordare il defunti.

La comunità lo fa seguendo un protocollo che viene da un lontano passato, sicuramente originale nella forma e nei contenuti, non riscontrabile in altre realtà. Secondo consuetudine dal 21 ottobre, il comitato costituito da un priorato scelto tra sas Partes, ed aiutato da altre donne volontarie, ha iniziato subito a lavorare assiduamente in vista della data del 2 novembre, giorno in cui si onora la memoria dei defunti del paese.

Sono venti giorni di intensa attività, suddivisi in due fasi. Nella prima, a partire dal 21 sino al 27 ottobre viene realizzata una autentica montagna di “maccarrones de errittu”, una tipica specialità lulese, ottenuti con la pasta lavorata a mano col supporto del ferro (errittu) per la lavorazione a maglia.

Si arriva a preparare circa Kg. 100 di pasta, grazie ai vari collaboratori e tutti quelli che tendono una mano offrendo soldi e quanto è necessario per il particolare cerimoniale. “Sos maccorrenes”, giorno per giorno, vengono cucinati e serviti su piatti fumanti che poi andranno distribuiti alle famiglie del paese.

La prima fase dei riti della tradizione si chiude poi con la distribuzione di “su pane durche” (meglio noto su coccone), altra specialità gastronomica lulese.

Per le donne del comitato, che preparano, cucinano e distribuiscono le due specialità, sono giorni di lavoro disinteressato, senza orologio, con brevi soste solo per la preghiera e la recita del rosario.

È il modo di ricordare tutti i defunti, senza distinzione, nel rispetto della memoria, dell’appartenenza nell’uguaglianza, valore ancora sentito nelle piccole comunità.

Conclusa questa prima fase, dal 1° novembre le donne portano avanti il novenario,

Nove giorni di preghiera e riti commemorativi. L’ultimo atto, finito il novenario, nella sede sociale di via Lenin, sarà offerto il caffè e su cocconeddu lugulesu, altra specialità locale. Il tutto in suffragio dei defunti che continuano a vivere nei ricordi e nelle preghiere dei propri cari.